Chiara Villani 8 Marzo 2019

A via Vibio Mariano una sala per condividere la lettura di libri tra residenti. Ecco il progetto:

L’associazione culturale “The Red-Carpets Eventi & Animazione” apre le porte della propria location a Roma Nord; infatti, a partire da marzo, ogni settimana sarà ospitato un circolo di lettura rivolto a chiunque abbia il piacere di trascorrere un po’ di tempo in compagnia; la sede, a Via Vibo Mariano 94, è provvista di parcheggio privato e un confortevole spazio interno con divanetti, servizi e guardaroba: non manca nulla, resta solo da definire la data del primo appuntamento, che verrà decisa tramite sondaggio sulla pagina Facebook “Sei della Cassia se”, per dare l’avvio a questo progetto il cui sviluppo si scioglierà in itinere. Per saperne di più abbiamo intervistato Davide Nalin, membro dell’associazione nonché promotore di questa iniziativa. Egli dapprima ci ha presentato l’associazione REDS: “Siamo un’associazione che esiste da molto tempo; nasciamo come animazione, siamo quindi abituati a stare a contatto con le persone; ognuno di noi ha lavorato in vari ambiti del settore, ma ci siamo uniti per ricercare qualcosa di più stabile. Il mondo dell’animazione non è facile, è estremamente veloce, finita l’estate il lavoro si esaurisce e lo stipendio è minimo; anche nel privato non è semplice, si tratta sempre di imprenditoria, quindi noi abbiamo cercato di invertire questa tendenza, cercando di proporre qualcosa di innovativo, anche se è difficile competere in questo tipo di società.” Riguardo la nascita, lo sviluppo e gli obiettivi del progetto del circolo di lettura ci ha invece detto: “Il nostro scopo è quello di creare coesione tra le persone; oggi purtroppo i rapporti sono plastici: colpa forse dei social, dello smartphone e dello stress, le interazioni sociali si sono ridotte al minimo: questo a noi animatori risulta evidente nei bambini che durante le feste si rifiutano di giocare con noi e con gli altri compagni; i bambini fra loro si frequentano poco e c’è poco contatto tra le famiglie. Il circolo di lettura è uscito per caso; la Cassia, per noi che la viviamo, è un po’ un microcosmo: ogni quartiere di Roma ha la sua storia, c’è quello popolare, quello più storico; nella Cassia ci sono varie realtà, dalla signora sfarzosa d’altri tempi, al ragazzo straniero i cui genitori una volta servivano nelle case dei nobili; questa società variegata, queste diverse idee di cultura, secondo noi possono essere riunite attraverso il libro; oggi i libri vivono un momento duro, l’intera conoscenza sta dentro un cellulare, però, per noi, ancora possono unire. Abbiamo proposto l’idea del circolo lettura sul gruppo Facebook “Sei della Cassia se” e abbiamo ottenuto un buon riscontro, con interessati dai 18 anni ai 70; noi crediamo all’unione sociale, che purtroppo manca; un esempio è il centro anziani e le difficoltà per dare uno spazio a persone che vorrebbero solo riunirsi tranquillamente; noi fortunatamente abbiamo l’aiuto della proprietà, ciò di cui avremmo bisogno è un supporto umano. Il costo è un’offerta libera per il sostenimento, ognuno mette quello che può.” “È un progetto in essere – Davide ha concluso – abbiamo dato un primo appuntamento con un sondaggio sul gruppo, lasciamo la possibilità di decidere alle persone, è un laboratorio di pensieri, si creerà. È una novità anche per noi.” Un’iniziativa rivolta al sociale, ambiziosa ma allo stesso tempo facilmente attuabile, di cui certamente continueremo a seguire gli sviluppi.

A cura di Chiara Villani

Leave a comment.

Your email address will not be published. Required fields are marked*